COMUNICATO STAMPA n° 6 – sul gonfalone del popolo veneto

In merito ai molti articoli del 17 marzo riguardanti la manifestazione a Brescia di fronte al Tribunale di centinaia di Veneti sventolanti il Gonfalone del Popolo Veneto, Aggregazione Veneta ha chiesto a diversi giornali di correggere gli articoli in cui si indicava quella bandiera come appartenente al partito Liga Veneta.  Il Gonfalone è identificativo del popolo Veneto e della nazione veneta non di un partito politico (per altro la Liga Veneta non ha mai avuto quel Gonfalone nel simbolo), quindi è lesivo della identità nazionale veneta attribuirgli un connotato di partito.

Aggregazione Veneta  è riuscita al momento a far correggere l’articolo solo al Corriere di Brescia che aveva scritto che 500 Secessionisti erano stati al Tribunale sventolando la bandiera della Liga Veneta.

Il Corriere di Brescia ha sostituito con “bandiera di San  Marco”, ma non ha specificato lo status riconosciuto di minoranza nazionale come avevamo chiesto, continuando purtroppo a negare la nostra identità di popolo.

Invitiamo i cittadini a tenere presente questo tipo di anomalie dell’informazione al momento di scegliere quali giornali comprare e dove informarsi.

Il Segretario
Andrea Lunardon

COMUNICATO STAMPA n° 5

Aggregazione Veneta

COMUNICATO STAMPA n° 5
Padova 4/3/2017

Aggregazione Veneta sta chiedendo a diversi enti dello Stato italiano e della Regione Veneto la visibilità mediatica che le spetta per la legge internazionale “Convenzione-Quadro sulle minoranze nazionali”. Per la Convenzione quadro la visibilità è legalmente dovuta ai veneti che si sono dichiarati tali presso Aggregazione Veneta, l’unico ente legalmente titolato a poter raccogliere le dichiarazioni spontanee che vengono poi inserite all’Anagrafe del popolo Veneto in conformità all’articolo 1 della Regionale n. 28 del 2016.

La censura su questo ente è classificata dalla Convenzione Quadro come violazione di diritti umani.

Aggregazione Veneta ha già segnalato la gravità della situazione al CORECOM del Veneto e alla Giunta nell’incontro del 14 febbraio. Il CORECOM ha risposto che è la Giunta competente all’attuazione della Convenzione Quadro in base alla legge regionale 28.

Aggregazione Veneta ha inoltre denunciato internazionalmente che i veneti subiscono gravi disparità di trattamento dal settore pubblico, ad esempio subiscono una maggiore tassazione effettiva con asfissianti controlli nonostante siano quelli che evadono percentualmente meno, ed inoltre ricevono minori trasferimenti di ritorno rispetto agli altri cittadini italiani.

Il Segretario
dott. Andrea Lunardon

Aggregazione Veneta ricevuta dalla Giunta del Veneto

aggregazione veneta – comunicato stampa n° 4 del 15 febbraio 2017 (versione PDF)

COMUNICATO STAMPA

Vicenza 15/02/2017

Una delegazione di Aggregazione Veneta, composta dal vicesegretario dott. Federico Ioverno, e dall’estensore della legge regionale 28 del 2016, Loris Palmerini, è stata ricevuta il 14 febbraio 2017 dal dott. Cristiano Corazzari, Assessore della Giunta della Regione Veneta con delega all’identità veneta.

L’incontro era mirato alla definizione di un percorso attuativo della legge regionale 28 del 2016, in applicazione della “Convenzione Quadro sulla Protezione delle Minoranze Nazionali”, per quanto di competenza della Regione, dove Aggregazione Veneta agisce come rappresentanza dei diritti di minoranza nazionale del Popolo Veneto. Presenti al colloquio diversi tecnici giuristi della regione e il consigliere Barbisan, già relatore in aula del PDL 116 divenuto oggi legge.

Aggregazione Veneta ha indicato varie possibilità applicative della Convenzione Quadro sulle minoranze nazionali a costo zero per la Giunta, tra cui l’incoraggiamento da parte della Giunta al settore della formazione di attività di scambio tra diverse comunità venete anche del Friuli, Venezia-Giulia e Istria.

Inoltre è stata richiesto alla Giunta un intervento presso il CORECOM in merito all’applicazione dell’art. 9 della Convenzione Quadro stante il fatto che in violazione di essa Aggregazione Veneta viene totalmente censurata. L’Assessore ha sottolineato che è il Consiglio e non la Giunta sono competenti sulle nomine del CORECOM, tuttavia riconoscendo, come replicato da Aggregazione,  che la Giunta è competente dell’attuazione della Convenzione Quadro in base alla legge regionale 28.

Infine è stata richiesta l’attenzione della Giunta sulla esclusività di Aggregazione Veneta quale ente incaricato della raccolta delle firme ex Art. 3 LR nr. 28/2016 in base al fatto che l’ente di autogoverno ex art.2 L.n.340/1971 “Anagrafe del Popolo Veneto” fa parte di quest’ultima, spettando al solo popolo veneto i diritti di minoranza nazionale in base all’art.1 della legge 28/2016. Si è inoltre evidenziato che essendo Aggregazione Veneta comunque un ente maggiormente rappresentativo, nessuna Aggregazione sarebbe comunque legittimata ad operare senza la sua compartecipazione essendo che per l’art.3 della legge regionale 28 la rappresentanza spetta esclusivamente alla Aggregazione degli enti maggiormente rappresentativi, e non ad una sua particolare declinazione.

Aggregazione Veneta ha evidenziato inoltre la necessità che in ogni caso  l’Aggregazione rappresentativa sia indipendente dai partiti, quindi non rappresentata da esponenti di partito politico, poiché questo sarebbe censurabile.

L’assessore ha indicato nella comunicazione cartacea la via più idonea per l’acquisizione delle proposte fatte e per la valutazione delle istanze.

Si è discusso inoltre della impugnativa della legge 28 da parte del Governo, il dott. Corazzari ha palesato l’intenzione della Giunta di ricorrere avverso la stessa, Palmerini ha indicato alcuni motivi di impugnazione dando la propria disponibilità a lavorare insieme ai giuristi per declinare completamente i motivi di resistenza.

Il clima è stato ovviamente cordiale e costruttivo e si è palesata la ferma intenzione di tutte le parti nel continuare a lavorare nella difesa dei diritti dei veneti e per l’attuazione della norma.

Il Vicesegretario
dott. Federico Ioverno

COMUNICATO STAMPA: intervento sul presunto ricorso in Corte Costituzionale e appuntamento con la Giunta Veneta

COMUNICATO STAMPA: intervento sul presunto ricorso in Corte Costituzionale e appuntamento con la Giunta Veneta

PDF comunicato stampa n° 3 del 7 febbraio 2017

Vicenza 07/02/2017

Aggregazione Veneta, oltre a svolgere i compiti previsti dall’art.3 legge regionale del Veneto n° 28 del 2016, è l’ente che per fatti e atti legali è l’unica rappresentanza legittima dei diritti di minoranza nazionale del popolo veneto, diritti riconosciuti cogenti dall’Italia con la legge n. 302 del 1997.

Aggregazione Veneta si è costituita presso la Giunta Leggi tutto “COMUNICATO STAMPA: intervento sul presunto ricorso in Corte Costituzionale e appuntamento con la Giunta Veneta”

COMUNICATO STAMPA: la rappresentanza diventa esclusiva

COMUNICATO STAMPA: la rappresentanza diventa esclusiva

Padova 25/01/2017

In data 23 gennaio si è riunita l’Assemblea di Aggregazione Veneta, composta dai delegati di 16 associazioni di identità, cultura, lingua e storia venete che complessivamente rappresentano la realtà del popolo veneto ai sensi dell’art.3 c 1 della L.reg n.28 del 2016.

I delegati hanno Leggi tutto “COMUNICATO STAMPA: la rappresentanza diventa esclusiva”